ATUM Technologies & Solutions – system integrator, software factory e abilitatore Insurtech milanese (www.atumtech.it) con forte orientamento all’innovazione tecnologica e di processo per il mondo Insurance – comunica l’acquisizione di TECSO (TEcnologia e Consulenza per Sistemi Organizzativi Srl), società specializzata in Analytics, Big Data e Information Governance, operazione con cui accelera il proprio posizionamento in ambito digital per il mondo assicurativo.

L’acquisizione, infatti, valorizza la competenza verticale e ad alto valore aggiunto propria di TECSO su analytics, big data, data management, algoritmi di mining e machine learning, know how che va ad integrare e completare l’offerta della proposizione di ATUM verso le Compagnie Assicurative e di Bancassicurazione, nella direzione insurtech.

L’accordo permette la messa a terra dei rispettivi asset aziendali e l’integrazione del front end FEWFIN e di ATUM, un portale evoluto che accorpa in un unico applicativo tutte le funzionalità utili per il collocamento, la vendita e il post-vendita di prodotti Danni, Vita e sinistri, con la piattaforma di data governance di TECSO, “IIG – Insurance Information Governance”, specializzata nella gestione e analisi del dato sul soggetto. Una soluzione di profilazione della clientela per l’analisi del bisogno, un gestore completo del patrimonio informativo aziendale assicurativo che integra i dati provenienti dai vari servizi (Sinistri, Portafoglio, Riassicurazione, Pianificazione e Controllo, Bilancio, ecc.), li trasforma in informazioni utili al processo decisionale e li organizza all’interno del contesto assicurativo, strutturandoli secondo le esigenze. Con l’obiettivo di integrare l’intero sistema informativo aziendale in un archivio perfettamente omogeneo e strutturato.

Nel 2020 Tecso è riuscita ad aggiudicarsi un progetto sostenuto dal MISE proprio sulla profilazione del dato sul soggetto in ambito sanitario e assicurativo. Il progetto denominato Laocoonte– della durata di 24 mesi e del valore complessivo superiore ai 3 milioni di euro – si avvale del Fondo per la Crescita Sostenibile (F.C.S.) nell’ambito della Procedura valutativa a Sportello Fabbrica Intelligente DM 5/3/2018.

Obiettivo del progetto, la realizzazione di una piattaforma software per l’analisi dei workflow, la prognostica e il supporto alle decisioni in ambienti complessi. Il progetto, articolato in diverse fasi, prevede il design, lo sviluppo e il testing del prodotto che è innovativo nella capacità di adattare l’applicazione alla tipologia delle sorgenti di dati, nel regolarizzare i dati stessi in base al risultato che si vuole ottenere e nel selezionare i migliori algoritmi di classificazione e predizione in ambito industriale e nel settore bancario e assicurativo. 

Fabio Piccinini,Ceo e founder di Atum, ha voluto sottolineare come: “L’acquisizione di una realtà tecnologicamente avanzata come Tecso, con cui negli anni abbiamo costruito sinergie importanti su più clienti, va proprio nella direzione della valorizzazione e messa a sistema di questa loro verticalizzazione sulla “data governance e analytics”, temi assolutamente centrali nell’evoluzione  digital in atto nel settore insurance e insurtech.  L’accordo consente, inoltre, ad Atum di proporsi anche sulla piazza romana/nazionale e crea un collegamento importante con il mondo accademico, sia per l’attenzione a tutto ciò che è innovazione tecnologica, sia nella direzione di un’integrazione fattiva tra università e aziende, per la valorizzazione di neolaureati in ambito informatico e ICT”.

Soddisfazione espressa anche da Luciano Polinari, Ceo di Tecso: “Siamo molto contenti dell’acquisizione da parte di Atum con la quale siamo legati da una visione comune in termini di approccio di lavoro e di valorizzazione delle competenze. Nasce così una nuova realtà produttiva molto più forte sul mercato ICT, con un’offerta ampia e specifica per il settore insurance in cui operiamo. Siamo fiduciosi in una crescita rapida ma sostenibile in tempi brevi”.