È stata pubblicata la terza edizione di Insurtech100, la selezione mondiale delle imprese più innovative del settore, realizzata dalla società di ricerca FinTech Global.

YOLO è l’unica italiana tra le imprese selezionate da FinTech Global dopo aver interpellato un panel di esperti e analisti del settore sulle qualità di oltre 1.200 imprese.

Il principio base della selezione è la capacità delle imprese di contribuire alla digital transformation del settore assicurativo. Diversi i fattori sui quali esperti e analisti sono stati chiamati a esprimere una valutazione:

  • importanza della soluzione che l’impresa ha proposto nel settore assicurativo;
  • crescita (in termini di capitale raccolto, ricavi, sviluppo della base clienti);
  • innovazione delle soluzioni tecnologiche;
  • potenziali risparmi generati dall’innovazione proposta, miglioramento dell’efficienza, impatto sulla catena del valore e/o aumento dei ricavi generati per i clienti;
  • importanza, per i manager del settore assicurativo, di conoscere l’offerta dell’impresa.

Obiettivo di Insurtech100 è aiutare manager e professionisti del settore assicurativo a valutare i modelli digitali che hanno potenziale di crescita, maggiori probabilità di successo e un impatto durevole sul settore.

Nell’elenco dell’Insurtech100 figurano, con YOLO, imprese che operano in diversi segmenti dell’insurtech. Tra queste Anorak, la prima piattaforma al mondo di consulenza assicurativa vita completamente automatizzata, autorizzata dalla Financial Conduct Authority; Bdeo, che ha creato un processo di sottoscrizione e gestione dei sinistri istantaneo e completamente automatizzato basato sull’intelligenza artificiale; ClaimVantage, che fornisce soluzioni per la gestione dei sinistri cloud-native.

Gli investimenti di questi anni ci hanno permesso di costruire e perfezionare una piattaforma tecnologica per l’abilitazione dell’offerta insurtech di compagnie, banche e retailer competitiva a livello internazionale“, ha dichiarato Gianluca De Cobelli, Co-Founder e CEO di YOLO Group. “Essere tra le cento imprese più innovative dell’insurtech globale certifica la qualità del lavoro compiuto e ci offre una visibilità che darà ulteriore impulso alla nostra strategia di sviluppo internazionale“.