Creare modelli operativamente innovativi e puntare su una stretta sinergia collaborativa: su queste basi Reale Group e Insoore, realtà insurtech, hanno avviato una collaborazione volta a ottimizzare alcuni processi in ambito sinistri.

A distanza di due anni dall’avvio del primo progetto, i risultati che nel tempo si sono ottenuti hanno permesso di confermare la partnership e di avviare nuove progettualità su altre tipologie di gestione dei sinistri.

Due i principali obiettivi raggiunti e sui quali si è consolidata la sinergia. Il primo riguarda l’avere messo in piedi un nuovo modello di gestione di alcune specifiche tipologie complesse di sinistro, come i riscontri e la gestione dei grandi clienti assicurati. Il secondo è legato a una proficua progettualità realizzata in concerto tra i due soggetti, con l’obiettivo finale di unire all’efficienza anche una maggiore customer satisfaction ai propri assicurati.

Siamo molto soddisfatti di questa partnership – ha dichiarato Anna Grassi Head of Sinistri di Massa di Reale Mutua – ‘Together More’ è la filosofia di Reale Group e lavorare in collaborazione con realtà innovative ci permette di dimostrare la nostra vicinanza ai clienti. ‘Insieme’ a Insoore stiamo davvero facendo ‘di più’: stiamo condividendo nel tempo obiettivi, strumenti, percorsi e risultati.”

 “L’innovazione è genialità, intuizione, sguardo al domani. Ma è anche duro lavoro, costante impegno, resilienza e capacità di adattarsi agli scenari nuovi che possono presentarsi durante il percorso – ha dichiarato Enrico Scianaro, CEO di Insoore – . La partnership che abbiamo stretto con Reale Mutua coglie entrambi questi aspetti dell’innovazione: in questi due anni di collaborazione siamo riusciti a immaginare insieme un nuovo modo di approcciare ad alcuni processi di gestione dei sinistri e li abbiamo progressivamente trasformati. Se oggi i risultati in termini di efficienza e ottimizzazione sono molto positivi lo si deve al fatto che è nata una sinergia vincente, che ha alla base una visione di lungo periodo e, soprattutto, una stretta collaborazione tra team davvero molto tenaci e caparbi.”