Zurich ha iniziato bene l’anno e nel primo trimestre è rimasto in linea con la sua strategia e i suoi piani finanziari“, ha dichiarato George Quinn, Chief Financial Officer del Gruppo. “Durante il trimestre, il Gruppo ha sfruttato appieno le difficili condizioni dei prezzi nel settore commerciale per ottenere una forte crescita e ulteriori miglioramenti nella performance di sottoscrizione sottostante del settore P&C. Nel ramo Vita, l’attenzione del Gruppo sulla crescita dei prodotti a più alto margine, piuttosto che sul semplice aumento del volume, ha continuato a sostenere la performance del business, mentre le Borse Farmers sono tornate a crescere anche prima dell’aggiunta dell’attività P&C di MetLife all’inizio del secondo trimestre. Queste tendenze, insieme al nostro bilancio molto forte, ci permettono di guardare al resto dell’anno con grande fiducia“.

I premi lordi contabilizzati nel ramo Property & Casualty (P&C) per i primi tre mesi sono aumentati del 9% rispetto all’anno precedente su base comparabile, rettificando i movimenti valutari, le acquisizioni e le cessioni.

La crescita è stata sostenuta da tassi di premio più elevati, superiori al livello del periodo precedente in tutte le regioni e trainati dall’assicurazione commerciale. La principale attività assicurativa del Gruppo in Nordamerica ha contribuito alla crescita per circa 3 punti percentuali, grazie all’aumento dei prezzi delle materie prime agricole.

In Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), i premi lordi contabilizzati sono aumentati del 5% su base comparabile. La crescita è stata trainata dalle assicurazioni commerciali, in particolare in Germania, Svizzera e Regno Unito. I tassi di premio sono aumentati dell’11% nell’assicurazione commerciale, rispetto al 5% del periodo dell’anno precedente. I premi lordi emessi del ramo assicurativo retail sono aumentati in misura modesta rispetto all’anno precedente, grazie al miglioramento della nuova produzione e alla stabilità dei tassi di fidelizzazione e dei premi.

Il Nord America è cresciuto del 16% su base analoga rispetto all’anno precedente, con l’assicurazione delle colture che ha contribuito a poco più della metà della crescita. Gli aumenti dei tassi del 14% sono rimasti a due cifre per il quinto trimestre consecutivo.

In Asia-Pacifico, i premi lordi contabilizzati sono diminuiti dell’1% su base comparabile rispetto all’anno precedente. Il calo delle vendite nelle assicurazioni viaggi dovuto alle restrizioni COVID-19 è stato solo parzialmente compensato dalla crescita in Giappone e Malesia.

In America Latina, i premi lordi sono aumentati del 5% su base comparabile , beneficiando della crescita nelle assicurazioni commerciali e in Zurich Santander.

Nel primo trimestre si è registrato un livello relativamente elevato di sinistri legati alle catastrofi naturali e agli eventi atmosferici, soprattutto a causa della tempesta invernale Uri negli Stati Uniti. Supponendo livelli normali di attività catastrofale naturale per il resto dell’anno, si prevede che ciò aggiunga circa un punto percentuale al consueto livello di perdite da catastrofi naturali nel combined ratio dell’intero anno.

Nel primo trimestre, la nuova produzione Vita in termini di premi annui equivalenti (APE) è diminuita del 4% su base comparabile, tenendo conto dei movimenti valutari, delle acquisizioni e delle cessioni. Il calo riflette il calo delle vendite nei prodotti corporate life e nei prodotti pensionistici e di rendita, mentre le attività unit-linked hanno mostrato un forte slancio di crescita.

In EMEA, le vendite APE sono diminuite dell’11% su base comparabile, rispetto allo stesso periodo del 2020. Ciò è stato determinato dalla riduzione degli affari delle pensioni aziendali in Svizzera a causa del rallentamento economico legato alla COVID-19 e delle condizioni di mercato competitive, nonché dal calo delle vendite dei prodotti vita tradizionali in Germania. Questi fattori hanno più che compensato la crescita in Irlanda e Spagna.

In Nord America, le vendite APE sono aumentate del 4% su base comparabile, escludendo l’attività vita di gruppo che è stata venduta nell’anno precedente.

In Asia-Pacifico, il calo delle vendite in Australia e Giappone ha portato a un calo del 9% su base omogenea. Il calo in Australia è dovuto ad azioni di repricing per migliorare i margini.

Le vendite APE in America Latina sono aumentate del 15% su base comparabile, grazie ai maggiori volumi di vendita delle polizze individuali e unit-linked di Zurich Santander. Questi sono stati parzialmente compensati dal mancato rinnovo di un importante conto vita e protezione aziendale in Cile.

Il margine dei nuovi affari è aumentato di 8,1 punti percentuali a un interessante 31,8% come riportato, o al 31,7% su base comparabile. Il valore dei nuovi affari (NBV) è aumentato del 21% su base comparabile, grazie al mix di vendite più favorevole in EMEA e Asia Pacifico e ai maggiori volumi di vendita in America Latina. Su base segnalata, NBV è aumentato del 23%.

Come indicato al momento dei risultati dell’intero anno, il perdurare della pandemia di COVID-19 dovrebbe avere un impatto negativo sulla mortalità nel 2021. Ciò è dovuto a una serie di paesi chiave in EMEA e in America Latina, oltre che negli Stati Uniti, che hanno registrato una mortalità elevata nel corso del primo trimestre.

I Farmers Exchanges, che sono di proprietà dei loro assicurati, hanno registrato un aumento del 4% dei premi lordi contabilizzati nel primo trimestre dell’anno. La crescita è stata trainata dal continuo miglioramento dei volumi dei nuovi affari e da 130 milioni di USD di premi relativi a volumi più elevati di attività commerciali di rideshare. I premi lordi guadagnati, che seguono i premi scritti, sono diminuiti nel primo trimestre a causa dell’impatto di COVID-19 sui premi scritti nel 2020, con un ritorno alla crescita previsto nel resto dell’anno.

Le commissioni di gestione di Farmers Management Services (FMS) e altre entrate correlate sono state in linea con lo sviluppo dei premi lordi guadagnati presso le Farmers Exchanges, che dovrebbero tornare a crescere nel resto dell’anno.