Il Gruppo UnipolSai chiude il primo trimestre 2021 con un utile netto consolidato pari a 249 milioni di euro, in crescita rispetto al risultato di 171 milioni del corrispondente periodo dell’esercizio precedente.

Nel 1° trimestre del 2021 la raccolta diretta assicurativa, al lordo delle cessioni in riassicurazione, si è attestata a 3.181 milioni di euro, in crescita del 2% rispetto ai 3.119 milioni al 31 marzo 2020.

Settore Danni
La raccolta diretta nel comparto Danni al 31 marzo 2021, pari a 1.919 milioni di euro, ha registrato una flessione del 3,0% rispetto ai 1.980 milioni del 31 marzo 2020.

La flessione è attribuibile al comparto Auto, con premi pari a 932 milioni di euro in calo dell’8,8% sui dati al primo trimestre del 2020. I risultati risentono delle condizioni di mercato e delle misure adottate dal Gruppo a tutela della clientela, come l’iniziativa denominata #UnMesePerTe.

I premi Non Auto, pari a 987 milioni di euro, sono risultati in crescita del 3,1% grazie all’efficace azione commerciale praticata dalle reti di vendita e al rinnovato interesse della clientela sui prodotti salute.

UnipolSai registra premi Danni per 1.605 milioni di euro (-3,6% rispetto al 31 marzo 2020). In crescita la raccolta di UniSalute (+7,6%) e di SIAT (+8,5%), mentre, nel comparto di bancassicurazione, Arca Assicurazioni risulta in incremento del +9,5%.

Il combined ratio del Gruppo al netto della riassicurazione si attesta all’89,1% (89,3% lavoro diretto) in miglioramento rispetto al 92,0% realizzato al 31 marzo 2020 (90% lavoro diretto), con un loss ratio che è risultato pari al 62,3% contro il 64,7% del primo trimestre 2020, e un expense ratio al 26,9% (27,4% al 31 marzo 2020).

Il risultato ante imposte del settore Danni è pari a 359 milioni di euro, in netta crescita rispetto ai 221 milioni dei primi tre mesi dell’esercizio 2020, grazie al positivo andamento tecnico registrato nel periodo e alla plusvalenza realizzata dalla vendita di Torre Velasca (71 milioni di euro).

Settore Vita
Nel comparto Vita, nei primi tre mesi del corrente esercizio la raccolta diretta del Gruppo ha registrato un incremento del 10,7% e si è attestata a 1.261 milioni di euro.

La capogruppo UnipolSai ha realizzato una raccolta diretta pari a 774 milioni di euro (-6,9% rispetto al primo trimestre 2020 influenzato straordinariamente da un importante contratto non ripetibile), mentre nel canale di bancassicurazione Arca Vita, unitamente alla controllata Arca Vita International, ha segnato una raccolta diretta pari a 457 milioni di euro (+56,1% rispetto ai 293 milioni del primo trimestre 2020) beneficiando anche dell’ampliamento della rete BPER a seguito dell’acquisizione di sportelli ex UBI.

Il risultato ante imposte del settore Vita è pari a 11 milioni di euro rispetto ai 26 milioni realizzati nei primi tre mesi dell’esercizio 2020, per effetto prevalente di un minor contributo dei proventi finanziari.

Settore Immobiliare e Altre Attività

Per quanto concerne gli altri settori in cui opera il Gruppo, il protrarsi dell’emergenza Covid-19 continua ad avere ripercussioni particolarmente negative sul settore alberghiero, penalizzato anche nel primo trimestre di quest’anno, dalla chiusura di gran parte delle strutture ricettive. Gli altri business registrano un sostanziale pareggio.

Il risultato ante imposte dei settori Immobiliare e Altre attività è negativo per 18 milioni di euro (-11 milioni al 31 marzo 2020).

Gestione finanziaria

Per quanto riguarda la gestione degli investimenti finanziari, nel primo trimestre del 2021 la redditività lorda del portafoglio degli investimenti finanziari assicurativi del Gruppo, pur continuando a risentire di tassi di interesse di mercato che si mantengono su valori contenuti, ha ottenuto un rendimento pari al 3,2% degli asset investiti (3,5% al 31 marzo 2020), di cui il 2,8% relativo alla componente di cedole e dividendi.

Situazione patrimoniale

Il patrimonio netto consolidato ammonta, al 31 marzo 2021, a 8.470 milioni di euro (8.144 milioni al 31 dicembre 2020). Il patrimonio netto di pertinenza del Gruppo si attesta a 8.199 milioni di euro (7.881 milioni al 31 dicembre 2020).

Per quanto concerne l’indice di solvibilità individuale1 di UnipolSai, al 31 marzo 2021 il rapporto tra fondi propri e capitale richiesto è pari al 313% rispetto al 318% del 31 dicembre 2020, mentre l’indice di solvibilità consolidato1, basato sul capitale economico, è pari al 277% (281% al 31 dicembre 2020).