L’IVASS ha pubblicato l’analisi semestrale sulle nuove tendenze nell’offerta dei prodotti assicurativi.

Nei rami danni le novità puntano sull’uso della tecnologia (e di sistemi di intelligenza artificiale) e su coperture ad hoc collegate al COVID-19. La gamma di prodotti è arricchita da servizi accessori di assistenza e sicurezza, personalizzabili e modulari, per rispondere alle diverse esigenze dei clienti:

  • nel comparto Salute i prodotti tendono ad essere arricchiti da una gamma di servizi di assistenza, anche con il ricorso a modalità innovative come la telemedicina, e vengono offerte polizze multirischio personalizzabili;
  • nel settore automotive, l’offerta è sempre più rivolta ad un’auto “connessa” e vengono sviluppate polizze interamente digitali anche in questo caso con garanzie personalizzabili. Le nuove iniziative propongono coperture rivolte anche alla mobilità elettrica;
  • le polizze Casa premiano la sostenibilità ambientale attraverso sconti o coperture per incentivare il ricorso all’ecobonus; continua l’offerta di polizze tradizionali con coperture cyber e contro eventi catastrofali. Anche per la polizza casa si inizia a prevedere il modello pay per use (con modularità del premio in funzione del reale utilizzo dell’abitazione), finora utilizzato soprattutto nel settore mobilità;
  • nell’ambito delle offerte rivolte alle PMI, sono state rilevate iniziative a favore del settore turistico alberghiero, valide anche in caso di contagio COVID-19, e delle imprese “green”;
  • prosegue l’attenzione delle compagnie per il rischio cyber.

Nel settore vita, le compagnie preferiscono disegnare e offrire polizze di tipo multiramo mentre sono meno orientate verso prodotti di tipo rivalutabile. L’orizzonte temporale medio raccomandato per l’investimento in prodotti assicurativi di investimento (IBIPs) si mantiene sui 7 anni e nell’ambito degli IBIPs le polizze rivalutabili si confermano le meno costose.