Le popolazioni urbane crescono, il clima continua a cambiare e ci saranno più eventi meteorologici estremi, così ritiene Swiss Re Institute. 
Sicuramente esistono degli errori umani fatti durante lo sviluppo di città, ad esempio uso improprio di terreni, di materiali, presenza di troppe costruzioni vulnerabili…e altro errore umano è la gestione inadeguata delle avverse condizioni atmosferiche.
Alluvioni, grandine, incendi, tempeste sono definiti da Swiss Re Institute come rischi emergenti. C’è sempre più gente a rischio e i danni sono sempre più grandi, così come i sinistri assicurativi.
Negli ultimi 5 decenni, le perdite sono aumentati del 5-10% per anno. Il problema è che hanno spesso costruito quartieri in zone ad elevato rischio di catastrofi, mettendo a rischio palazzi, ponti, strade…
I danni da incendio crescono di più di tutti gli altri danni catastrofali (oggi pari al 23% del totale). Secondo Swiss Re Institute prima del 2016, questa percentuale dei danni incendio era inferiore al 10%.
Nel mondo si sono stimati nel 2020, $ 190 mld di perdite economiche causate da catastrofi naturali e causate dall’uomo. Oltre 7.000 persone sono morte e disperse nel 2020 per catastrofi naturali.
Secondo Swiss Re Institute, il settore assicurativo copriva nel 2020 $ 81 mld di queste perdite.  
La sotto assicurazione è sempre una grande sfida. Ad esempio, in Germania, secondo GDV (Associazione Tedesca degli Assicuratori) solo il 46% delle costruzioni sono assicurate contro le alluvioni.
Il 70% dei disastri sono oggi generati prevalente da incendi e alluvioni, mentre nel passato rappresentavano il 50%. Questi eventi sono classificati come rischi ad alta frequenza, con severità medio bassa, ma sicuramente stanno causando danni e problemi ovunque nel mondo. Questo si riflette nel costo dei sinistri. Più di $ 1 mld di sinistri arrivano da eventi che succedono regolarmente e frequentemente.
Swiss Re Institute ritiene che sia necessario aumentare la consapevolezza del grande pubblico su tanti rischi urbani, spesso ignorati e che potrebbero generare tante perdite personali.
Inoltre, avverte Swiss Re Institute, il rischio catastrofale non è statico, ma è dinamico.
Gli Assicuratori hanno l’importante compito di collaborare con il Governo per tutelare le città e le popolazioni e allo stesso tempo i Riassicuratori possono giocare un ruolo importante in questo contesto. Ora è il tempo di agire!