Redazione

Due anni fa Nationwide, uno dei principali assicuratori in USA, ha iniziato a trasformare la sua rete di agenti captive (circa 2.000) in agenti indipendenti (IAs), ridefinendo anche il loro claim “proud partner of Independents”.

Gli esperti si attendono che Nationwide non rimanga l’unico grande assicuratore ad aver fatto questa scelta, rendendo così il mercato danni estremamente competitivo.

Si ritiene infatti oggi che la quota degli agenti indipendenti sia destinata a crescere in modo sostanzioso nei prossimi anni, fino a rappresentare oltre l’80% dei totali premi commercial lines.

Quali sono i vantaggi di un Independent Agent rispetto ad un Agente Captive per le compagnie e per loro stessi?

La motivazione che ha fornito Nationwide, è stata quella di aver trasformato i suoi agenti in indipendenti per ridurre i costi di distribuzione e quindi per poter investire per rafforzare la sua operatività. Infatti tanti sono stati i costi sostenuti per attuare una digital transformation che permettesse ai suoi 2.000 agenti di operare in un contesto indipendente e con successo.

Questi investimenti hanno anche permesso a Nationwide di acquisire la collaborazione di diversi altri agenti, tanto che a fine 2020 contava oltre 10.000 mandati con agenzie indipendenti.

Al momento della trasformazione la maggior parte della rete agenziale non era contenta. Oggi invece sembra che il livello di soddisfazione sia piuttosto elevato perchè i singoli agenti hanno avuto l’opportunità di costruirsi la loro gamma di offerta in base ai loro modelli di business. Sembra che siano diventati più competitivi, pur mantenendo mediamente il 95% del loro portafoglio con Nationwide.

Strumenti Digital come Nationwide Express, ad esempio, creato ad hoc per permettere agli agenti di velocizzare il proprio lavoro, ha riscontrato molto gradimento presso.

Soprattutto la tecnologia, farà infatti fare la differenza agli Agenti Indipendenti, nell’ambito del servizio al cliente e nella modalità di comunicazione che, grazie alla digitalizzazione sarà più attiva e farà così distinguere l’ agente di successo e assicurargli un futuro nei prossimi 10-15 anni.