Si è perfezionata l’acquisizione della società Agibroker, quarantennale realtà vicentina, da parte di Inser, una delle più importanti realtà del brokeraggio assicurativo nel panorama italiano con una sede già operante a Vicenza.

Fu proprio Alberto Galletti, alla fine degli anni settanta, a costituire uno staff di specialisti e a fare della consulenza assicurativa una vera «missione», diffondendo la cultura del rischio assicurativo e diventando punto di riferimento di imprese di un intero territorio. Questo grazie a un lavoro di affiancamento costante al cliente e soprattutto alla costruzione di prodotti assicurativi su misura per le aziende piccole o grandi ed in particolare per tutto il settore dell’industria orafa.

L’operazione d’integrazione della struttura organizzativa di Agibroker e il conseguente ampliamento della sede vicentina si aggiungono all’headquarter di Trento e alle sedi di Milano, Brescia, Bergamo, Vicenza, Udine, Parma e Rieti con una squadra nazionale composta da oltre 150 persone tra dipendenti e collaboratori.

«Siamo molto soddisfatti dell’operazione, che è stata possibile anche grazie al prezioso contributo del dott. Gherardo Barbini, presidente di WIN srl. Nel processo di continua espansione che stiamo realizzando da alcuni anni, abbiamo individuato in Agibroker un partner ideale per il comune approccio al mercato e al clienteha commentato l’amministratore delegato di Inser Pierpaolo Ruggeri. Inoltre con questa acquisizione entriamo nel capitale di WIN, broker wholesale indipendente e partner strategico per la nostra azienda».

Il portafoglio di Inser è costituito da realtà appartenenti al settore industriale, multiutilities, servizi e enti pubblici per un totale di oltre 110 milioni di euro di premi intermediati; inoltre dispone di una rete strutturata di società estere che consentono la tutela del rischio nei cinque continenti.

«La nostra è una società di tradizione vicentina che si è conquistata la fiducia delle aziendespiega Alberto Galletti, consigliere delegato di AGI BROKER, che entra nella “famiglia” Inser con tutta la struttura organizzativa, “e in questa grande azienda abbiamo quindi l’opportunità di continuare a tener fede ai nostri principi distintivi del MADE IN ITALY ma anche di rafforzare l’offerta e le coperture, aprendoci a nuovi servizi e percorsi di miglioramento. Il rispetto delle persone e il loro valore umano e professionale, oltre che un approccio diretto al cliente e la costruzione di un servizio «tailor made» sono elementi comuni a Inser e Agibroker su cui continueremo a lavorare innestando nuove progettualità».

«Questo passaggio rappresenta per noi una grande opportunitàha aggiunto Luca Rondina che insieme a Barbara Rigolon dirige gli attuali uffici Inser di Vicenza. Avvieremo fin da subito un programma di formazione continua del nuovo personale, mirato a condividere le procedure aziendali e a fare gioco di squadra ma è con i nuovi servizi che si potranno ottenere i benefici maggiori per i clienti».

Seguendo l’evoluzione normativa e di mercato, Inser ha infatti messo a punto soluzioni di Risk Management, Risk Assessment e Crisis Management e ha creato un’International Division che, tramite il network mondiale Aesis, offre supporto alle aziende italiane che operano all’estero e a quelle estere che operano in Italia. «Un vantaggio importante per il tessuto industriale – conclude Barbara Rigolon -. La pandemia ha poi innalzato la richiesta di benefit a tutela delle risorse umane e Inser ha sviluppato interessanti soluzioni esclusive di assistenza sanitaria a favore di dipendenti, dirigenti e collaboratori».