Quasi 200 utenti hanno seguito giovedì 10 novembre il webinar tenuto da ACB, Associazione categoria broker, intitolato “Sanità e coperture di rischio a 5 anni dalla legge Gelli-Bianco” sulla responsabilità civile dei medici.

Il presidente ACB, Luigi Viganotti, ha moderato l’incontro a cui hanno partecipato – collegati da remoto – il prof. Filippo La Torre, presidente del Collegio italiano dei chirurghi e docente presso L’università La Sapienza di Roma, e il dott. Alessandro Martella, presidente dell’Associazione nazionale dermatologi ambulatoriali, che avevamo già sentito su PLTV a proposito dell’assicurazione sanitaria (l’intervista a questo link).

Entrambi sono intervenuti sul doppio tema della salvaguardia del paziente e della definizione delle regole da rispettare nella professione medica: anche la bozza del nuovo decreto attuativo, infatti, denuncia una scarsa conoscenza del mercato assicurativo e delle differenze tra professionisti attivi negli ambulatori pubblici e quelli che operano negli studi privati.

In studio l’avvocato Carlo Galantini, dello studio legale Galantini & Partners, ha parlato delle criticità dell’autoassicurazione, delle difficoltà nella transazione e del tema della “Claims Made”. Il prof. Antonio Longo, avvocato e fondatore dello Studio Legale Lexlon, ha spiegato gli effetti degli interventi normativi sui rischi assicurativi sanitari e la loro scarsa efficacia nel rispondere ai nodi che la Gelli-Bianco doveva sciogliere.

La dott.ssa Silvia Lumediluna, amministratore delegato di ASSITA s.p.a. – Agenzia plurimandataria e specialista in RC medica ed esperta di RC professionale – ha raccontato le difficoltà dell’applicazione della legge dal punto di vista degli intermediari, in particolare sui contenziosi dovuti alle difficoltà nello stabilire le responsabilità tra medico e struttura sanitaria. La versione integrale del webinar è visibile sul canale youtube di ACB a questo link