PMI Salute e Intesa Sanpaolo RBM Salute hanno sottoscritto il nuovo accordo sulla gestione dei servizi sanitari per il biennio 2023/2025.

PMI Salute, nata su iniziativa di Confimi Impresa Meccanica, FIM – CISL e UILM – UIL, è il progetto di assistenza sanitaria integrativa dedicato alle Piccole e Medie Imprese del settore metalmeccanico, che permette ai dipendenti delle aziende aderenti di poter essere coperti da un piano sanitario completo per sé e per il proprio nucleo familiare fiscalmente a carico, in aggiunta alle prestazioni sanitarie erogate dal Sistema Sanitario Nazionale. Intesa Sanpaolo RBM Salute, primaria compagnia nel settore dell’assicurazione sanitaria in Italia, si rivolge ai fondi sanitari occupazionali, aziendali, territoriali e a tutte le forme di corporate welfare per il settore privato e pubblico, con l’obiettivo di garantire una migliore tutela della salute attraverso un “secondo pilastro”, che integri i livelli essenziali di assistenza erogati dal Ssn.

Con questo nuovo accordo, il Fondo rinnova la collaborazione con una compagnia insieme alla quale, negli ultimi due anni, ha visto incrementare le iscrizioni e le prestazioni richieste ed effettuate dai lavoratori. “Con soddisfazione continuiamo questo percorso insieme ad Intesa Sanpaolo RBM Salute – ha dichiarato il presidente di PMI Salute, Emanuele Fantini -. Abbiamo fatto del nostro meglio per offrire ai nostri Iscritti un nuovo piano sanitario su misura, sempre più rispondente alle loro esigenze. In questi anni il Fondo ha raccolto ed accolto le richieste dei lavoratori, trasformandole in garanzie sanitarie volte in primis alla prevenzione della salute dei nostri aderenti”.

Tra le recenti iniziative del Fondo, il rimborso alle aziende e ai dipendenti del costo dei tamponi sostenuto per rilevare la presenza del virus SARS-CoV-2, sia durante che dopo la pandemia. Ma anche il rimborso delle spese per la somministrazione del vaccino antinfluenzale. Dal prossimo anno, inoltre, PMI Salute gestirà in forma diretta due garanzie: la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) e la Long Term Care (LTC) in ambito di disabilità e non autosufficienza.